top of page

La stessa determinazione ogni giorno.

L’indice europeo sull’uguaglianza di genere ci permette di avere una visione globale sulla qualità della vita delle donne in Italia, sulle battaglie ancora da condurre e sull’andamento storico dei fenomeni di discriminazione di genere.


L’indice sull’uguaglianza di genere utilizza una scala da 1 a 100, in cui 1 corrisponde alla totale disparità e 100 alla totale parità. Nel 2020 l’Italia si è attestata al 14° posto nella classifica degli Stati membri, con un punteggio di 63,5 punti su 100, inferiore di 4,4 punti rispetto a quello generale dell’Unione Europea. Il punteggio è aumentato di 10 punti dal 2010.


L’indice generale è composto da molte aree, e l’analisi dell’andamento in ciascun settore è particolarmente interessante, perché permette di comprendere dove è ancora necessario lavorare. In particolare, i punteggi più bassi in Italia si registrano nelle aree del potere, del tempo, della conoscenza e del lavoro.

Il lavoro di cura domestica non retribuito è ancora per la maggior parte un onere delle donne. Nel mondo del lavoro, la retribuzione mensile delle donne è di un quinto inferiore rispetto a quella degli uomini, e il tasso di occupazione a tempo pieno per le donne resta invariato negli anni, attestandosi intorno al 31%. Un minore tasso di occupazione significa minore indipendenza economica, e di conseguenza, minore autonomia di scelta nella propria esistenza.


Negli anni, in Italia, ci sono stati dei miglioramenti nel processo decisionale ed economico: l’introduzione della quota legislativa del 33 % di donne nei consigli di amministrazione delle società ha portato ad un maggiore equilibrio da questo punto di vista. Anche la percentuale di donne fra parlamentari e ministri è aumentata.


I dati sulla violenza di genere non sono aggiornati: è in corso una nuova indagine che ci porterà ad avere nuovi dati nel 2023. Sappiamo però da altre fonti che:

· Risulta ancora esposta al rischio di mutilazione genitale femminile una percentuale fra il 15 % al 24% delle ragazze della popolazione migrante residente (Dati Eige)

· Il 2 % delle donne ha subito molestie online (Dati Eurofund)

· Il pericolo maggiore per le donne proviene da persone che conoscono: la violenza spesso si annida nelle mura di casa.

· Nel 2022 in Italia si sono registrati 319 omicidi di cui 125 con vittime di sesso femminile, circa il 39% (Dati Ministero dell’Interno).


Alla luce di questi dati, è evidente che le battaglie per l’uguaglianza di genere sono ancora vive, pulsanti, e non possono che essere quotidiane, perché le discriminazioni si annidano nella vita di ogni giorno. Le ricorrenze, in questo senso, ci aiutano a fermarci, riflettere, fare il punto, per continuare il giorno dopo, con la stessa forza e determinazione.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page